Odontoiatria Olistica

Dott. Corsini Chiara Sofia
ORTODONZIA FUNZIONALE E FISSA


L'Ortodonzia è la disciplina odontoiatrica finalizzata alla correzione delle dismorfosi dento-facciali e all'allineamento, secondo precisi parametri, degli elementi dentari in arcata.

L'Odontoiatra Olistico farà dapprima la valutazione clinica con esame obiettivo, eventuale esame radiografico, modelli e studio cefalometrico ecc., aggiungendo poi però la fondamentale valutazione di altre anomalie, funzionali o meno, del distretto cranico le quali, se non correttamente diagnosticate o non tenute in considerazione, possono causare compensi patologici in altri distretti del corpo.
Spesso infatti ad una anomalia nella crescita di mascellare superiore e/o mandibola, si associano concomitanti alterazioni funzionali come, ad esempio, exoforie, rotazioni dell'osso sfenoide, dell'osso occipitale ecc. Solo per farvi una descrizione a titolo esemplificativo (le modalità di compenso che l'organismo può attuare sono molteplici e diverse per ognuno in quanto multifattoriali) basti pensare che il mascellare costituisce una parte del pavimento dell'orbita, mentre lo sfenoide ne realizza la parte laterale e il fondo, costituendo anche la base di origine dell'anello tendineo da cui originano i muscoli estrinseci dell'occhio: in questi frequenti casi sarà perciò necessaria, assieme all'eventuale terapia ortodontica, la visita e la riabilitazione ortottica.
In altri frangenti si renderà indicata la logopedia, qualora si notasse deglutizione atipica, altra alterazione funzionale che concorre sovente ad una malocclusione e ad una scorretta postura.
Tutte queste funzionalità non corrette devono essere rigorosamente tenute in considerazione in quanto possono essere esse stesse fattori determinanti l'anomalia che si viene ad evidenziare nel distretto orale. Viceversa, possono anche essere influenzate negativamente da esso.
La strategia fondamentale sarà perciò quella della valutazione posturale globale tramite visita medica posturale, ed eventuale analisi su pedana stabilometrica, per poi improntare la migliore strategia terapeutica.

Oltre all'intervento di altri professionisti come il logopedista, l'ortottista ecc. si potrà beneficiare della terapia cranio-sacrale (vedi sezione dedicata) la quale serve a correggere le anomalie funzionali delle ossa craniche e a ristabilire il corretto equilibrio dinamico delle stesse.
A volte, dopo la correzione delle varie concause presenti in altri distretti corporei, la crescita del distretto orale riprende correttamente e il caso si risolve senza dover utilizzare un dispositivo ortodontico.

Altre volte invece la terapia Ortodontica è necessaria e consigliata.
In tal caso, quando il tipo di anomalia trova l'indicazione, si preferirà ricorrere a dispositivi funzionali e non ortopedici, al fine di evitare una "forzatura" esterna piuttosto che una terapia che rispetti la capacità di adattamento del corpo stesso (come accade con la terapia cranio-sacrale).
Quando invece il tipo di anomalia non prevede che un intervento più "deciso" per poter risolvere la dismorfosi, la terapia verrà comunque affiancata e supportata dai concomitanti controlli posturali e cranio-sacrali.
Lo stesso vale per la terapia fissa di allineamento dentario.

La possibilità del controllo posturale e cranio-sacrale ci permetteranno di avere, alla fine della terapia, si i denti belli e dritti, ma soprattutto un buon equilibrio generale!